Share Button

Non è affatto male il Best Western Plus Tower Hotel Bologna. Un quattro stelle in viale Lenin a Bologna, comodissimo per chi arriva dall'autostrada e dalla tangenziale, un po' meno per il centro città. Infatti, sebbene esistano in zona mezzi pubblici, il parcheggio affollato conferma quanto l'hotel sia destinato principalmente a chi usa mezzi propri.

Un albergo non straordinario ma abbastanza ben organizzato e con spazi molto grandi sia nelle aree comuni che nelle camere.

L'edificio non è particolarmente accattivante, un grattacielo tra altri grattacieli (compatibilmente con la definizione di grattacielo a Bologna) che promette sicuramente una bella vista sulla città dai piani alti (la mia camera ad un piano intermedio e probabilmente sul lato sbagliato affacciava su un poco interessante parcheggio).

L'ingresso, un po' sacrificato, sfocia però in una ampia area con la reception decentrata sulla sinistra e gli ascensori sulla destra.

Personale cortese e rapido nelle procedure di registrazione anche se non riesce a rendere la camera disponibile nemmeno con un leggero anticipo.

I bagagli, lasciati in deposito, vengono accuratamente etichettati ma posti , ed un po' abbandonati,  accanto al desk della reception dove sono al rientro senza essere stati mai effettivamente messi in deposito.

Ai piani delle camere l'uscita dagli ascensori è poco felice, sacrificata in uno spazio ristretto dove arriva anche l'ascensore di servizio (utilizzabile come spiegato in un cartello anche dagli ospiti) che porta poi ai corridoi.

La stanza colpisce subito per le dimensioni davvero notevoli che, con il mobilio tutto accostato alle pareti, vengono amplificate ulteriormente dal grande spazio completamente libero davanti a letto.

Particolare l'arredamento che, forse, vuole richiamare gli anni Settanta. La scrivania, su cui si trova anche la televisione, é un continuum lungo la parete di fronte al letto pur modificando la propria linea da retta a curva per creare lo spazio per accogliere la valigia.

Curioso ma gradevole lo specchio, composto da  una serie di specchi ovali (o forse esagonali) piu piccoli collegati ma nob uniti tra loro che occupa una buona parte della parete laterale.

Ovali (o esagoni o ottagoni) che, in qualche modo con forme, se non uguali perlomeno assimilabili, vengono richiamati un po' in tutta la stanza, dalle luci sopra il letto agli oblò dell'armadio, dove dovrebbe essere posizionato il kit di cortesia per le bevande calde che invece non c'è ma dove, e questa c'e, si trova la cassetta di sicurezza.

Letto enorme, adeguato alle dimensioni della stanza quindi, seppur in modo assolutamente teorico, tranquillamente utilizzabile da tre persone.

Dimensioni normali, invece, per il bagno con doccia vasca e sanitari belli. Kit di cortesia abbastanza ricco ma, soprattutto, intelligentemente collocato accanto al lavandino, come di consueto, ma all'£terno di un piano scorrevole, coperto dal vetro del piano di appoggio.

Purtroppo il pavimento della stanza, come quello dei corridoi, è in moquette, con una piccola fantasia beige su beige, che oltre ad essere oramai superata concettualmente non può, pur pulita, nascondere qualche spiacevole macchia.

Sorprende, forse ancor di più del kit per te e caffè mancante, il frigobar presente ma completamente sguarnito, fatta eccezione per due bottigliette d'acqua (offerte dall'hotel come viene rigorosamente chiarito fin dal check in).

Misterioso e leggermente fastidioso, ma non certo insopportabile, il ticchettio che risuona periodicamente nel o, meglio, dal soffitto.

La colazione si fa al primo piano nella sala ristorante. L'offerta del buffet è ricca seppur non straordinaria. Lo stesso si può dire per la cena che presenta un menù con una lista ragionevole ma standard di piatti ed una esecuzione gradevole ma priva di picchi elevati.

Wi-Fi presente praticamente ovunque e di qualità più che buona.

Nella sostanza un hotel consigliabile se ci si trova a Bologna con l'auto per una breve permanenza e non si deve andare in centro.

Immagini del bagno della camera in Private Baths and Public Toilettes
Share:

0 commenti:

Posta un commento